Quantità massime per le vitamine e i sali minerali nelle derrate alimentari

Le quantità massime finora ammesse per le vitamine e i sali minerali nelle derrate alimentari si basavano sul fabbisogno giornaliero di una sostanza nutritiva. Il nuovo modello di quantità massima invece è incentrato sulla protezione della salute e si basa sulle conoscenze scientifiche più recenti.

Uno dei fondamenti del nuovo sistema è il rapporto «Höchstmengen für Vitamine und Mineralstoffe in Nahrungsergänzungsmitteln» (Quantità massime di vitamine e sali minerali negli integratori alimentari, disponibile solo in tedesco), pubblicato nel 2018 dal Bundesinstitut für Risikobewertung (BfR – Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi). Il modello applica il limite massimo tollerabile di assunzione (UL) per ogni singola sostanza nutritiva e tiene conto delle diverse modalità di assunzione: la normale alimentazione quotidiana (assunzione basale), le derrate alimentari arricchite e gli integratori alimentari o gli alimenti per sportivi.

Per queste differenti categorie di derrate alimentari è stata operata una suddivisione delle sostanze nutritive in quattro gruppi: dalle sostanze non critiche alle sostanze critiche con quantità massime, fino alle sostanze che richiedono sia quantità massime sia avvertenze.

Il modello di quantità massima nel dettaglio

L’idea alla base del modello è che per ogni sostanza non sia superato il limite massimo tollerabile di assunzione (UL, «tolerable upper intake level»). A tal fine è stata eseguita una valutazione generale dell’assunzione di una sostanza nutritiva tramite la normale alimentazione quotidiana (assunzione basale, AB), le derrate alimentari arricchite e gli integratori alimentari o alimenti per sportivi.

hmm-grafik1-I

La differenza tra il «tolerable upper intake level» (UL) e l’assunzione basale (AB) è la quantità di sostanza nutritiva disponibile per l'aggiunta a derrate alimentari arricchite e integratori alimentari o alimenti per sportivi. Tale «quantità restante» (UL - AB) viene distribuita tra queste due categorie di prodotti secondo uno schema preciso.

Distribuzione della quantità restante (UL - BA)

Per la distribuzione della quantità restante, le sostanze sono state suddivise in quattro gruppi.

  • Gruppo 1: sostanze non critiche; per le sostanze di questo gruppo non deve più essere fissato un valore massimo.
  • Gruppo 2: sostanze con grande differenza UL – AB (ovvero con una grande quantità restante o un basso rischio di superare l’UL).
  • Gruppo 3: sostanze con piccola differenza UL – AB (ovvero con una piccola quantità restante o un alto rischio di superare l’UL).

Per i gruppi 2 e 3, la quantità restante di una sostanza nutritiva disponibile per l’aggiunta è distribuita tra derrate alimentari arricchite e integratori alimentari o alimenti per sportivi in un rapporto di 1:3. Il rapporto scelto di 1:3 assicura da un lato che una razione giornaliera di una derrata alimentare arricchita contenga una quantità significativa di una sostanza nutritiva, dall'altro che gli integratori alimentari siano effettivamente una forma concentrata di sostanze nutritive.

hmm-grafik2-I
  • Gruppo 4: sostanze con le quali possono verificarsi effetti collaterali o interazioni a partire da dosi medio-basse e pertanto è necessaria un'avvertenza. Questo gruppo comprende la vitamina K e il magnesio. Nelle derrate alimentari arricchite, i valori massimi dovrebbero essere fissati sotto la soglia che rende necessaria un’avvertenza. Nel caso degli integratori alimentari e degli alimenti per sportivi sono mantenuti i valori attuali, a condizione che a partire da un determinato dosaggio siano apposte le necessarie avvertenze.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 27.05.2020

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/lebensmittel-und-ernaehrung/rechts-und-vollzugsgrundlagen/hilfsmittel-und-vollzugsgrundlagen/hoechstmengenmodell.html