Sigarette elettroniche

Le sigarette elettroniche rientrano nel campo di applicazione della legge sulle derrate alimentari e possono essere vendute liberamente in Svizzera. Il commercio di sigarette elettroniche contenenti nicotina è invece soggetto a determinate restrizioni.

Attualità

Commercializzazione delle sigarette elettroniche 

Con la sentenza del Tribunale amministrativo federale del 24.4.2018 le sigarette elettroniche contenenti nicotina provenienti dall’UE possono essere immesse anche sul mercato svizzero in applicazione del principio Cassis de Dijon. La condizione è che i prodotti devono soddisfare i requisiti tecnici di uno Stato membro dell’UE o del SEE ed essere legalmente in circolazione in uno di questi Stati. La commercializzazione di questi prodotti è autorizzata anche nel caso in cui la loro fabbricazione avviene in Svizzera, nel rispetto del diritto UE. 

Secondo il diritto svizzero sulle derrate alimentari, l’immissione sul mercato di sigarette elettroniche contenenti nicotina continua a essere vietato. I requisiti tecnici svizzeri necessari devono essere disciplinati dalla prevista legge sui prodotti del tabacco. Per quanto riguarda la pubblicità e la consegna ai minori, devono valere le stesse limitazioni previste per le convenzionali sigarette. 

L’importazione a scopo privato continua a essere consentita dato che non rientra nel campo di applicazione della legge sulle derrate alimentari.

(02.05.2018) 

E-Zigarette

In Svizzera sono in vendita diverse sigarette elettroniche, dette anche e-cigarette. Tutte hanno in comune i seguenti componenti: un beccuccio, una batteria ricaricabile, un vaporizzatore elettrico e una cartuccia contenente un liquido che, inalato verso il beccuccio, viene scaldato o vaporizzato e quindi inalato dall’utilizzatore. Esistono liquidi con e senza nicotina.

Base legale

Le sigarette elettroniche (inclusi cartucce e liquido) rientrano nel campo di applicazione del diritto sulle derrate alimentari e vengono regolamentate come oggetti d’uso. Le sigarette elettroniche senza nicotina possono essere vendute liberamente in Svizzera. Secondo il diritto sulle derrate alimentari, il commercio di sigarette elettroniche contenenti nicotina è invece vietato. Nel caso in cui provenga dallʼUE, questo tipo di sigarette elettroniche può essere essere immesso anche sul mercato svizzero in applicazione del principio Cassis de Dijon, se soddisfa i requisiti tecnici di uno Stato membro dellʼUE o del SEE e se è legalmente in circolazione in uno di questi Stati. La commercializzazione di questi prodotti è autorizzata anche nel caso in cui la loro fabbricazione avviene in Svizzera, nel rispetto del diritto UE.

Nella legge sui prodotti del tabacco attualmente in elaborazione, le sigarette elettroniche contenenti nicotina sono equiparate ai prodotti del tabacco e, pertanto, non saranno più considerate oggetti d’uso. Esse potranno dunque essere commercializzate alle stesse condizioni previste per le sigarette.

Le sigarette elettroniche, inoltre, non rientrano nel campo d’applicazione della legge federale concernente la protezione contro il fumo passivo. Le sigarette elettroniche pubblicizzate con una dicitura che attribuisce loro proprietà terapeutiche, come per esempio, smettere di fumare, possono essere vendute in Svizzera solo con l’autorizzazione di Swissmedic.

Rischi per la salute

Allo stato attuale delle conoscenze, le sigarette elettroniche sono molto meno nocive delle sigarette contenenti tabacco. Nonostante ciò, l’USAV consiglia di utilizzarle con prudenza, visto che gli effetti a lungo termine sulla salute sono ancora ignoti. Inoltre, il vapore di alcune sigarette elettroniche contiene sostanze cancerogene.

Ulteriori informazioni

Maggiori dettagli

Ultima modifica 07.05.2018

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/gebrauchsgegenstaende/e-zigaretten.html