Controllo del traffico di animali

Molti effettivi di animali e animali devono essere registrati e identificati. Queste regolamentazioni costituiscono la base del controllo del traffico di animali e degli effettivi, permettono una lotta efficace alle epizoozie e possono evitare la diffusione di queste ultime.

tvd-schafeziegen

Attualità

Avviata con successo la banca dati sul traffico di animali per gli ovicaprini

A tre mesi dall’introduzione dell’obbligo di notifica per gli ovinicoltori, è possibile stilare un bilancio intermedio complessivamente positivo: circa due terzi di tutti gli animali sono registrati nella banca dati sul traffico di animali (BDTA).

In casi isolati si sono verificate infezioni in seguito alla marcatura di animali adulti. Si tratta a tutti gli effetti di un piccolo intervento chirurgico che deve essere effettuato con cautela e nel rispetto di alcune misure pratiche, in particolare in vista dell’imminente estivazione.

(02.04.2020)

Il traffico di animali porta con sé il rischio di diffusione di malattie ed epizoozie. Come parte integrante del controllo del traffico di animali, la registrazione, l’identificazione e il controllo degli effettivi permettono la rintracciabilità dell’animale fino all’azienda di provenienza. In questo modo è quindi possibile reagire rapidamente ed efficientemente in caso di epizoozia.

Le prescrizioni sul controllo del traffico di animali per i detentori sono riassunte in diversi promemoria (si veda «Ulteriori informazioni») e nelle pagine seguenti.

Registrazione

Devono essere registrati bovini, suini, caprini, ovini, equini, cani, pollame, api e piscicolture. La registrazione contribuisce alla lotta alle epizoozie perché permette di identificare e rintracciare gli animali.

Identificazione

I detentori di animali a unghia fessa, equini, cani e pappagalli devono identificare i loro animali; gli apicoltori, invece, anche gli apiari. L’identificazione serve per la lotta alle epizoozie e permette di identificare e rintracciare gli animali.

Controllo degli effettivi

Nelle aziende dove sono detenuti animali a unghia fessa, pollame, api, pappagalli e animali acquatici, vanno svolti controlli degli effettivi.

Estivazione e svernamento

Durante l’estivazione gli animali vengono portati al pascolo e agli alpeggi. Le prescrizioni sull’estivazione aiutano a garantire la protezione degli animali e a limitare il rischio di trasmissione di malattie contagiose.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 15.04.2020

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/tiere/transport-und-handel/tierverkehrskontrolle.html