Istituto di virologia e immunologia

L'Istituto di virologia e immunologia (IVI) è un ente di ricerca subordinato all'USAV e rappresenta il laboratorio svizzero di riferimento per la diagnosi, la sorveglianza e il controllo di epizoozie altamente contagiose.

Barbara Wieland

Attualità

Cambio al timone dell’Istituto di virologia e di immunologia IVI

03.05.2021: Barbara Wieland è una veterinaria che vanta un’esperienza ventennale nella ricerca, nella cooperazione allo sviluppo e nell’epidemiologia veterinaria. Conosce bene non solo la lotta alle epizoozie e alle zoonosi, ma anche il settore One Health. Dopo il dottorato in medicina veterinaria all’Università di Berna, Barbara Wieland ha lavorato al Royal Veterinary College di Londra e al Pirbright Institute, dove ha svolto un postdottorato in epidemiologia molecolare. Per diversi anni ha poi insegnato epidemiologia veterinaria presso il Royal Veterinary College, dirigendo il corso di master in controllo delle malattie infettive degli animali e partecipando a vari progetti di ricerca internazionali. Dal 2015 ha diretto il team dedicato alla salute degli effettivi presso l’International Livestock Research Institute (ILRI) in Etiopia, da dove ha coordinato diversi progetti in Africa orientale e occidentale e in Asia. Ancora prima ha lavorato per tre anni come responsabile di progetto per la Direzione dello sviluppo e della cooperazione in Mongolia.

Intervista con Barbara Wieland su www.ivi.admin.ch/ivi/it/home/das-ivi.html.

Ciò consente di effettuare ricerche sulle proprietà del coronavirus e quindi di testare gli agenti antivirali nel modo più rapido ed efficiente possibile.

I ricercatori di virologia e di batteriologia veterinaria dell’Università di Berna e della Confederazione Svizzera sono riusciti a clonare il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2).

Ciò consente di effettuare ricerche sulle proprietà del coronavirus e quindi di testare gli agenti antivirali nel modo più rapido ed efficiente possibile.

IVI_Ansicht_mitParkplatz

L'IVI è l'unico laboratorio ad alta sicurezza della Svizzera per la diagnosi e la ricerca sulle epizoozie altamente contagiose (per es. afta epizootica, peste suina) e si occupa dello studio dell’insorgenza di nuove malattie animali e del loro potenziale di trasmissibilità all’essere umano.

Con la sua attività di ricerca, l'IVI si prepara ad affrontare possibili future minacce, come per esempio le malattie che possono essere trasmesse dalle zanzare agli esseri umani e agli animali. In collaborazione con l’Università di Berna, l'IVI partecipa a progetti di ricerca internazionali e dunque contribuisce anche allo sviluppo di strategie per la lotta alle nuove epizoozie. È inoltre l’organo di omologazione dei vaccini animali ed è affiliato al Centro svizzero della rabbia (Berna).

Il sito Internet dell'IVI è disponibile all'indirizzo: www.ivi.admin.ch

Ultima modifica 03.05.2021

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/das-blv/organisation/ivi.html