Neosporosi

Infezione da protozoi parassiti che colpisce i cani e altri carnivori come ospiti finali e può riguardare altre specie come ospiti intermedi. Non si trasmette all’uomo. Nei bovini può causare aborti e danni embrionali.

Nel corso del proprio sviluppo il parassita unicellulare Neospora caninum, all’origine della malattia, infesta diverse specie animali che fungono da ospiti. Gli ospiti finali sono soprattutto i cani e altri carnivori come il coyote. La malattia non è mai stata riscontrata nelle volpi. Oltre ai cani, possono fungere da ospiti intermedi anche i bovini e più raramente altri ruminanti, i cavalli e altre specie animali, eccetto l’uomo, per il quale la malattia non costituisce un pericolo.

La patologia si riscontra in particolare nei cani giovani e nelle vacche gravide.

Nei cani i sintomi tipici sono paralisi progressiva delle zampe posteriori, disturbi della coordinazione, tremiti, febbre, difficoltà di respirazione e diarrea. Tuttavia in altri animali la malattia presenta un decorso asintomatico.

Nei bovini l’agente patogeno è un’importante causa di aborti e perdite di vitelli. In questi ultimi possono verificarsi anche danni tardivi postnatali (disturbi della coordinazione, paralisi).

Contagio e diffusione

Per quanto concerne i due ospiti principali, il bovino e il cane, la via di trasmissione più frequente è quella intrauterina, dalla femmina gravida al feto.
L’assunzione di carne o escrementi contaminati può provocare nuove infezioni, che tuttavia si verificano raramente.

L’agente patogeno è diffuso in tutto il mondo. La banca dati sulla situazione epizootica in Svizzera fornisce un quadro della malattia a livello nazionale.

L’agente patogeno è il protozoo parassita Neospora caninum.

Misure

  • Non depositare le placente nella natura e soprattutto non darle in pasto ai cani.
  • Rimuovere le feci dei cani dai pascoli.

Non esiste alcun vaccino in grado di impedire la trasmissione intrauterina e, di conseguenza, gli aborti.

Poiché la neosporosi è un’epizoozia da sottoporre a sorveglianza, è soggetta all’obbligo di notifica. I veterinari e i laboratori devono notificare i casi di epizoozia e i sintomi sospetti al veterinario cantonale.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 07.07.2017

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/tiere/tierseuchen/uebersicht-seuchen/alle-tierseuchen/neosporose.html