Agenti patogeni e igiene

Molti agenti patogeni trasmessi attraverso gli alimenti o l’acqua sono zoonosi, ossia malattie veicolate dagli animali all’uomo. Per prevenire un’infezione è importante mantenere una buona igiene nel contatto con gli alimenti e gli animali.

Immagine colorata di un Campylobacter jejuni realizzata con un microscopio elettronico a scansione

Batteri patogeni negli alimenti

I batteri patogeni più frequenti negli alimenti sono il Campylobacter e le salmonelle ma negli ultimi anni hanno fatto notizia anche la Listeria nel formaggio e l’Escherichia coli enteroemorragico (EHEC) nei germogli.

Immagine colorata dei norovirus realizzata con un microscopio elettronico a scansione

Virus negli alimenti

Sebbene il virus dell’epatite A e il norovirus non si riproducano negli alimenti, sopravvivono a lungo nell’ambiente e possono trasmettersi attraverso il cibo. Nelle regioni tropicali è necessario rispettare norme alimentari basilari.

Fette di pane ammuffite

Funghi tossici: micotossine negli alimenti

Tra i funghi tossici negli alimenti rivestono particolare importanza determinate muffe, che si sviluppano soprattutto in ambienti caldo-umidi e formano sostanze nocive chiamate micotossine.

Rappresentazione grafica di una Giardia lamblia

Parassiti patogeni negli alimenti e nell’acqua

I parassiti di seguito menzionati non possono proliferare negli alimenti ma essere trasmessi attraverso gli stessi e l’acqua. Molte malattie parassitarie sono zoonosi, ossia trasmissibili dagli animali all’uomo.

Durchgebratenes Pouletstück vor dem Grill

Igiene

Il consumo di derrate alimentari sicure sotto il profilo igienico è una condizione fondamentale per mantenersi in buona salute. Per poter mangiare in tutta sicurezza i cibi che portiamo in tavola, è opportuno adottare alcune semplici precauzioni di igiene in fase di conservazione e preparazione.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 09.05.2019

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/lebensmittel-und-ernaehrung/lebensmittelsicherheit/krankheitserreger-und-hygiene.html