Procedura di omologazione

Prima di essere immessi sul mercato, i prodotti fitosanitari devono essere omologati. Nell’ambito della procedura di omologazione, vengono esaminati sotto il profilo della loro efficacia e dei loro effetti collaterali. Possono essere approvati se il loro uso non ha effetti collaterali inaccettabili sugli esseri umani, sugli animali o sull’ambiente: un aspetto valutato dai servizi federali competenti.

Bild für MM Pflanzenschutzmittel_AdobeStock_32659724_Gunnar_Assmy.jpeg ID59919

Attualità

Il servizio di omologazione per i prodotti fitosanitari fa capo all’USAV

In base alla decisione del Consiglio federale del 17 novembre 2021, tutti i compiti nell’ambito dell’omologazione dei prodotti fitosanitari sono stati trasferiti all’USAV. A partire dal 1° gennaio 2022, tutte le domande devono quindi essere presentate al servizio di omologazione dell’USAV, il quale ha la competenza di rilasciare le autorizzazioni.

Il servizio di omologazione per i prodotti fitosanitari dell’USAV è il punto di contatto per i richiedenti, gli importatori, le autorità di controllo, le associazioni e tutte le altre parti interessate in caso di domande relative all’omologazione di prodotti fitosanitari. Gli utilizzatori di prodotti fitosanitari non sono interessati da questa modifica.

I prodotti fitosanitari possono causare danni indesiderati all’ambiente, agli animali, alle piante o all’essere umano. Per evitare che ciò avvenga, sono sottoposti a una procedura di omologazione. Oltre a una o più sostanze attive, i prodotti fitosanitari contengono solitamente altri ingredienti (ad es. solventi, emulsionanti). Nell’ambito della procedura di autorizzazione, le nuove sostanze attive e i nuovi prodotti sono esaminati sotto il profilo della loro efficacia, degli effetti collaterali e della sicurezza.

Un prodotto fitosanitario riceve l’omologazione solo quando, in caso di utilizzo secondo le prescrizioni, è garantito che esso non abbia effetti collaterali inaccettabili sull’essere umano, gli animali o l’ambiente. Vengono stabilite le condizioni, la caratterizzazione e le disposizioni di applicazione in modo da assicurare che i rischi siano ridotti e che l’uso sicuro sia garantito. Solo allora può essere immesso sul mercato. L’ordinanza sui prodotti fitosanitari costituisce la base legale per l’omologazione di prodotti fitosanitari.

Un richiedente che desidera immettere un nuovo prodotto fitosanitario sul mercato presenta una domanda all’ufficio di omologazione, includendo tutti i documenti e gli studi necessari. Una volta che il dossier è completo, viene trasmesso dall’ufficio di omologazione ai servizi di valutazione competenti. La valutazione scientifica degli studi presentati viene effettuata dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), dall’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) con i suoi istituti di ricerca (Agroscope), dall’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) e dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO). Le informazioni mancanti vengono richieste alla ditta.

Sulla base dei pareri dei servizi di valutazione, si decide se i requisiti per l’omologazione sono soddisfatti. Le prescrizioni di applicazione necessarie dovrebbero permettere l’uso del prodotto senza effetti collaterali inaccettabili per l’essere umano, gli animali e l’ambiente.

PSM_I

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 23.12.2021

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/zulassung-pflanzenschutzmittel/zulassung-und-gezielte-ueberpruefung/zulassungsverfahren.html