Campylobacter foetus

Il Campylobacter foetus colpisce i bovini e viene trasmesso durante la monta o tramite lo sperma infetto. La malattia non costituisce un pericolo per l’essere umano. 

Il Campylobacter foetus colpisce i bovini ed essendo causa di disturbi della fertilità e di casi isolati di aborto può determinare ingenti perdite economiche.

Nelle bovine i sintomi tipici sono frequenti ritorni in calore, intervalli prolungati tra i periodi di calore e i parti nonché, raramente, aborti precoci.

Nei tori il contagio è asintomatico. Spesso però l’agente patogeno sopravvive per anni sulla mucosa del prepuzio.

Contagio e diffusione

L’agente patogeno è il batterio Campylobacter foetus, che può sopravvivere fino a un mese nella paglia e nel letame e diversi mesi nello sperma congelato.

La trasmissione avviene durante la monta o con lo sperma infetto, oppure indirettamente tramite gli impianti. È inoltre possibile la trasmissione fra tori.

Il Campylobacter foetus è diffuso a livello mondiale, ma in Svizzera non è ancora stato riscontrato. Per avere un quadro della malattia nel nostro Paese consultare la Banca dati sulla situazione epizootica in Svizzera.

Cosa fare?

  • Prestare particolare attenzione all’igiene durante la raccolta dello sperma.
  • Prestare attenzione a non introdurre la malattia in un effettivo attraverso l’acquisto di animali infetti.
  • Sottoporre i tori ad analisi relative al Campylobacter foetus prima di impiegarli per l’inseminazione artificiale.
  • Isolare e non impiegare per l’allevamento gli animali sospetti o infetti.
     

Non esistono vaccini contro la malattia.

Il Campylobacter foetus è un’epizoozia da eradicare e quindi soggetta a notifica. Chi detiene o accudisce animali deve notificare i casi sospetti al veterinario dell’effettivo.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 07.07.2017

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/tiere/tierseuchen/uebersicht-seuchen/alle-tierseuchen/campylobacter-foetus.html