Formazione sulla detenzione di suini

Chi detiene più di tre suini deve disporre di un attestato di competenza. Sono esonerati gli agricoltori in possesso di una formazione professionale. È necessario un attestato di competenza anche per la castrazione precoce dei propri suini. 

Chi detiene più di tre suini deve disporre di un’apposita formazione. Se l’allevamento comprende complessivamente oltre dieci unità di bestiame grosso, è necessario aver conseguito una formazione in agricoltura. Negli allevamenti di piccole dimensioni con meno di dieci unità di bestiame grosso, la persona responsabile per la detenzione e la cura degli animali deve possedere un attestato di competenza ai sensi dell’art. 198 dell’ordinanza sulla protezione degli animali.

Le persone che il 1° settembre 2008 erano già registrate in qualità di detentori di animali, non devono seguire la formazione. Sono esonerati dal conseguimento dell’attestato di competenza anche gli agricoltori, poiché dispongono già di una formazione professionale per la gestione di animali da reddito.

I corsi per il conseguimento dell’attestato possono essere svolti da organizzazioni riconosciute a tale scopo dall’USAV. Per l’elenco di tali organizzazioni si veda «Ulteriori informazioni».

Formazione per la castrazione precoce dei lattonzoli maschi

I detentori di suini possono castrare autonomamente i propri capi sotto anestesia entro le prime due settimane di vita. A tal fine è necessario aver conseguito un attestato di competenza in uno dei corsi riconosciuti dall’Ufficio federale dell’agricoltura e dall’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (art. 32 OPAn).
Per maggiori informazioni sull’attestato di competenza, consultare le informazioni tecniche Prescrizioni legali per la castrazione precoce dei lattonzoli maschi eseguita dal detentore degli animali (si veda «Ulteriori informazioni»).

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 24.11.2016

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/tiere/tierschutz/nutztierhaltung/schweine/ausbildung-schwein.html