Yersiniosi nell’animale e nell’uomo

La yersiniosi è una malattia batterica infettiva con decorso subacuto o cronico, che colpisce molte specie animali e gli esseri uomini (zoonosi). L’infezione avviene prevalentemente attraverso alimenti contaminati.

Sono ricettivi alla malattia suini, bovini, volatili da cortile, uccelli selvatici, gatti, porcellini d’India, altri roditori, scimmie e altri mammiferi.

La malattia nell’animale

Di norma la malattia si manifesta con diarrea accompagnata da sintomi aspecifici.

Contagio e diffusione

La principale via di trasmissione è rappresentata dal mangime o dall’acqua contaminati dalle feci. Il contagio può avvenire anche per contatto diretto tra gli animali. I roditori e gli uccelli selvatici e i loro escrementi sono un’importante fonte di contagio.

L’agente patogeno è diffuso in tutto il mondo. La banca dati sulla situazione epizootica in Svizzera fornisce un quadro della malattia a livello nazionale.

Gli agenti patogeni sono i due batteri Yersinia pseudotuberculosis e Yersinia enterocolitica, che hanno un’elevata capacità di sopravvivenza nell’acqua, nel suolo (dove rimangono infettivi per diversi mesi) e negli alimenti.

Misure

  • Prestare particolare attenzione all’igiene: le feci non devono contaminare né il mangime né l’acqua potabile.

In Svizzera non sono ammessi vaccini contro la malattia.

Poiché la yersiniosi è un’epizoozia da sottoporre a sorveglianza, è soggetta all’obbligo di notifica. I veterinari e i laboratori devono notificare i casi di epizoozia e i sintomi sospetti al veterinario cantonale.

La malattia nell’essere umano

L’infezione da Yersinia può causare diarrea acquosa, infiammazione dei linfonodi nella zona del tratto gastrointestinale e una serie di altri sintomi, dal mal di testa a dolorose alterazioni cutanee.

Nella maggior parte dei casi la malattia viene trasmessa dall’animale all’uomo per via oro-fecale attraverso alimenti (soprattutto carne suina) o acqua contaminati. La carne di maiale non dovrebbe essere consumata cruda. Le yersinie possono tuttavia essere trasmesse all’uomo anche mediante contatto diretto con l’animale.

Nei macelli la testa e il collo dei suini dovrebbero essere lavorati separatamente prima del sezionamento, per evitare un’eventuale contaminazione della carne.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 07.07.2017

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/tiere/tierseuchen/uebersicht-seuchen/alle-tierseuchen/yersiniose.html