Imballaggi

Le sostanze dei materiali di imballaggio, ad esempio le materie plastiche stampate,  possono migrare negli alimenti e mettere così in pericolo la salute. L’USAV ha quindi regolamentato l’utizzazione di queste sostanze critiche utilizzate nella fabbricazione degli imballagi.

Coronavirus News BAG

Attualità

Coronavirus: il Consiglio federale allenta le norme sulla dichiarazione delle derrate alimentari

A causa della crisi COVID, alcuni ingredienti e materiali di imballaggio non sono più reperibili nell’industria alimentare e devono essere sostituiti. Per questo motivo le indicazioni sull’imballaggio di alcune derrate alimentari non corrispondono più al contenuto. Per garantirne la disponibilità e prevenire lo spreco alimentare, nella seduta del 16 aprile il Consiglio federale ha adottato una modifica dell’ordinanza sulle derrate alimentari e gli oggetti d’uso.

La modifica dell’ordinanza consente di tollerare tali deroghe per un periodo di tempo limitato, a condizione, tuttavia, che le derrate alimentari interessate siano contrassegnate con un adesivo rosso. Quest’ultimo deve fare riferimento a un sito Internet che fornisce informazioni sulle caratteristiche effettive (composizione, provenienza degli ingredienti, metodo di produzione) della derrata alimentare e sul motivo della deroga. In concreto, queste eccezioni provvisorie sono consentite solo se non mettono in pericolo in alcun modo la salute dei consumatori (ad es. in caso di problemi di allergia).

La modifica si applica con effetto immediato e per un periodo di sei mesi.

(16.04.2020)

Denrées alimentaires emballées

Gli imballaggi e le stoviglie contengono sostanze che possono migrare negli alimenti e quindi nel corpo umano, fattore che in alcuni casi può costituire un pericolo per la salute.

Anche gli inchiostri di imballaggio contengono sostanze che possono rappresentare un pericolo. L’impiego di sostanze nella fabbricazione di imballaggi, inclusi gli inchiostri di imballaggio, deve essere pertanto disciplinato dalla legge.

L’industria alimentare è subordinata a prescrizioni severe disciplinate nell’ordinanza sui materiali e gli oggetti. L’allegato 2 disciplina le sostanze ammesse per la produzione di strati di materia plastica per materiali e oggetti di plastica. L’allegato 10 disciplina le sostanze ammesse per la produzione di inchiostri da stampa (si veda «Ulteriori informazioni»).

Bisfenolo A

Il bisfenolo A (BPA) è una sostanza chimica di sintesi impiegata per la fabbricazione di diversi materiali plastici che sono anche usati a contatto con le derrate alimentari. La sostanza può ad esempio essere utilizzata nei rivestimenti dei barattoli di conserve, negli scontrini o nei giocattoli. Si trovano tracce di bisfenolo A anche nelle derrate alimentari e negli oggetti d’uso.

Posizione dell’USAV

Il Consiglio federale è stato incaricato dalla Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale di elaborare un rapporto sull’utilità e i pericoli dell’uso di BPA negli imballaggi e negli oggetti d’uso che è giunto alla conclusione che il BPA non rappresenta un rischio per la salute dei consumatori. La loro esposizione è troppo esigua per causare conseguenze sulla salute (si veda «Ulteriori informazioni»).

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 19.05.2020

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/gebrauchsgegenstaende/materialien-in-kontakt-mit-lebensmitteln/verpackungen.html