Conferenza sull’estensione della Convenzione di Washington

La Convenzione internazionale sul commercio internazionale delle specie di fauna e di flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES) disciplina il commercio delle specie minacciate di estinzione. I delegati dei 184 Stati membri si riuniranno a Panama dal prossimo 14 novembre 2022 per la 19a Conferenza delle Parti e discuteranno principalmente dell’estensione delle misure di protezione ad altre specie. 

In qualità di autorità esecutiva della CITES, l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) rappresenta gli interessi della Svizzera. Durante l’evento, su questa pagina verranno pubblicati aggiornamenti regolari sui principali punti discussi.


Ieri sono state prese alcune decisioni molto attese

19.11.22: Gli Stati contraenti avevano nettamente respinto la proposta di vietare completamente gli scambi di ippopotami a fini commerciali. Il motivo risiede nel fatto che non si voleva vietare l’utilizzo sostenibile di queste popolazioni da parte di quegli Stati che presentano popolazioni stabili e in parte in crescita. Si tratta infatti delle uniche specie che vengono esportate e per le quali ciò, per contro, non sembra danneggiare la specie in questi Paesi.

Inoltre, vi è stata una lunga e intensa discussione sulla protezione e sul possibile utilizzo dell’elefante africano, da cui è emerso che non si vuole né facilitare nuovamente il commercio dell’avorio né ostacolare i successi della conservazione delle specie negli Stati sudafricani. Un raggio di speranza in questa decennale situazione di stallo tra gli Stati africani è la consapevolezza che si dovrebbe cercare di premiare i successi di conservazione delle specie nell’Africa meridionale attraverso possibili compensazioni finanziarie, senza rilanciare il commercio di avorio. Le possibilità in questo ambito devono essere esaminate in un gruppo di lavoro.


Prese le prime decisioni fondamentali

hai_cop_cites_800x600px

17.11.22: Nella giornata di oggi sono state adottate due proposte per l’inserimento di alcune specie di squali nella Convenzione di Washington, in seguito alle quali si otterranno due benefici in un colpo solo: circa l’80 % del commercio di pinne di squalo sarà soggetto alle norme CITES e, di conseguenza, a una verifica della sostenibilità. Questo può già essere considerato un importante risultato della conferenza di quest’anno. Inoltre, un ampio numero di legni pregiati è stato incluso negli allegati CITES, il che significa che in futuro potranno essere commercializzati a livello internazionale solo con un certificato di sostenibilità.


Avvio della COP CITES

15.11.22: Dopo la prima giornata ufficiale con la cerimonia di apertura all’insegna del folklore panamense e gli incontri preparatori regionali, svoltisi senza grossi problemi, il primo giorno dei due comitati di lavoro sono state prese le prime decisioni importanti. Ci sarà una nuova risoluzione sul commercio e la protezione delle tartarughe marine. I dettagli sono ancora in fase di elaborazione da parte di un gruppo di lavoro.

Per quanto riguarda il ruolo della CITES nella prevenzione di future pandemie, non è stato ancora raggiunto un consenso ed è stato istituito un gruppo di lavoro con quasi la metà dei partecipanti. A questo proposito si prospettano negoziati difficili.

Per maggiori informazioni sui negoziati giornalieri: Earth Negociations Bulletin


Il livestream dell'evento

COP_Logo_800x600px

Ultima modifica 22.11.2022

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/das-blv/kooperationen/internationale-institutionen/cites/cites-konferenz-2022.html