Glifosato

Il glifosato è una delle sostanze più utilizzate al mondo per i prodotti fitosanitari.

Glyphosat

Prima di poter essere distribuiti e utilizzati, i prodotti fitosanitari sono soggetti a una procedura di autorizzazione complessa e onerosa. All'USAV compete l'analisi dei rischi e la definizione delle concentrazioni massime per le derrate alimentari, mentre l'Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) autorizza o vieta i prodotti fitosanitari.

Quantità trascurabile di glifosato nelle derrate alimentari

In risposta al postulato della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Consiglio nazionale i laboratori dell’USAV hanno avviato nel 2016 un monitoraggio delle derrate alimentari allo scopo di determinare quanto la popolazione sia esposta a questo erbicida. Sono stati analizzati più di 230 campioni di derrate alimentari, suddivise in 19 categorie (es. miele, vino, pane, patate e verdura, alimenti per lattanti).

Dai risultati emerge che circa il 40 % delle derrate alimentari presenta tracce di glifosato esigue, ma quantificabili. Tuttavia, il suo tenore e quello del suo metabolita, l’acido aminometilfosfonico (AMPA), sono sempre inferiori ai limiti fissati dalla legislazione. Anche se i valori trovati per questi prodotti sono bassi, le principali fonti di esposizione sono la pasta, i cereali per la prima colazione e i legumi.

Tabella: Concentrazioni di glifosato misurate in diversi gruppi di derrate alimentari

Il monitoraggio dei dati misurati conferma la ridotta presenza di residui di glifosato nelle derrate alimentari e l’assenza di rischi per la salute. I risultati sono stati pubblicati in una rivista scientifica (peer-reviewed) (vedasi «Ulteriori informazioni»).

Nessun rischio per la salute umana

Sulla base dei primi risultati è possibile dedurre che un adulto dovrebbe consumare in un giorno 71 kg di pasta del campione maggiormente contaminato (421 µg/kg) per raggiungere la dose giornaliera massima ammissibile (30 mg per un adulto), ossia la quantità di sostanza che una persona può assorbire giornalmente e per tutta la vita senza danni visibili per la salute.

In Svizzera la popolazione consuma in media 10 kg di pasta all’anno, per un valore giornaliero nettamente inferiore a quello ammissibile. Il consumo delle derrate alimentari più contaminate, come la pasta, e quindi di quelle meno contaminate, è considerato privo di rischi per la salute dell’uomo.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 11.10.2018

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/lebensmittel-und-ernaehrung/lebensmittelsicherheit/stoffe-im-fokus/glyphosat.html