Sottoprodotti di origine animale dall'UE

Campo di applicazione / Requisiti

Le condizioni di importazione si applicano ai sottoprodotti di origine animale.
Per i campioni commerciali e di laboratorio vigono condizioni d’importazione separate.

Sono considerati sottoprodotti di origine animale (SPA) i corpi di animali, le carcasse e i prodotti di origine animale (interi o in parti, greggi o trasformati) non destinati all’uso alimentare. A seconda del loro potenziale di rischio per l’essere umano e l’animale i SPA sono classificati in tre categorie. Attualmente soltanto i prodotti della categoria 3 (caratterizzata dalla minore componente di rischio) possono essere importati a «condizioni standard». Di regola, i prodotti della categoria 3 (C3) sono in particolare parti di carcasse idonee al consumo umano che per motivi di igiene o per altre ragioni non sono destinate a questo uso.

Le specifiche condizioni di importazione di polizia epizootica sono descritte in modo dettagliato in «Ulteriori informazioni».

I sottoprodotti di origine animale devono soddisfare i requisiti di cui al regolamento (CE) 1069/2009 e al regolamento (UE) 142/2011.

Certificato sanitario / TRACES

Una notifica TRACES è prescritta in tutti i casi previsti nell’articolo 48 del regolamento (CE) 1069/2009.

Documento commerciale

La partita deve essere accompagnata da un documento commerciale conforme a quello previsto nel regolamento CE 142/2011 (si veda sotto in «Documento commerciale»).

Per determinati sottoprodotti di origine animale (ad es. alimenti pronti all’uso per animali da compagnia, trofei di caccia e preparati animali) non sono necessari né una notifica TRACES né un documento commerciale (si veda «Ulteriori informazioni» nel documento «Importare sottoprodotti di origine animale dall’UE e dalla Norvegia»).

Autorizzazione di importazione di polizia epizootica

Per importare sottoprodotti di origine animale della categoria 3 non è necessaria un’autorizzazione di polizia epizootica dell’USAV.

Per tutti i sottoprodotti di origine animale che non sono importati a condizioni standard (prodotti C1 e C2) è necessaria un’autorizzazione d’importazione. Occorre presentare una domanda d’importazione scritta all’USAV (si veda in «Domande di importazione»).

Misure di protezione sovraordinate

Si applicano sempre le misure di protezione valide il giorno dell’importazione.

Controlli all’importazione

Prestare attenzione al fatto che non tutte le categorie di animali e merci possono essere importate in Svizzera attraverso un valico qualunque. Le autorità doganali decidono autonomamente in merito alle competenze dei singoli uffici doganali.

Le autorità cantonali competenti verificano, nell’ambito delle loro attività di controllo, i certificati sanitari prescritti o i documenti commerciali.

Osservazioni particolari

Determinate specie animali sono anche soggette alle disposizioni in materia di conservazione delle specie. Verificare lo stato di protezione nell’elenco delle specie CITES (si veda «Ulteriori informazioni») e presentare eventualmente una domanda di importazione (si veda «Domande di importazione»). Nel caso in cui si necessiti di un’autorizzazione d’importazione, dopo l’importazione occorre effettuare il controllo relativo alla conservazione delle specie.

La partita deve essere notificata alla dogana ed entro 48 ore (due giorni lavorativi) esibita al posto di ispezione relativo alla conservazione delle specie scelto (si veda «Ulteriori informazioni»). La dogana riscuote anticipatamente la tassa per il controllo relativo alla conservazione delle specie.

Ultima modifica 03.10.2016

Inizio pagina

https://www.blv.admin.ch/content/blv/it/home/import-und-export/import/importe-aus-der-eu/tierische-nebenprodukte-aus-der-eu.html