Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Riproduzione e allevamento

Poiché i ratti si riproducono molto velocemente, si sconsiglia vivamente di improvvisarsi allevatori. Se non volete accollarvi l’onere di far castrare i vostri ratti, è bene che teniate un gruppo di esemplari del medesimo sesso. Per i principianti è meglio iniziare con tre-quattro ratti, se possibile provenienti dallo stesso gruppo.

I ratti raggiungono la maturità  sessuale molto precocemente, a 5 settimane. Hanno un periodo di gestazione breve e, di norma, cucciolate numerose. Sono questi i motivi per cui si riproducono molto velocemente. Allo stato naturale questo è un vantaggio, poiché su 10 cuccioli 9 non sopravvivono.

In cattività, tuttavia, un gruppo di ratti che aumenta rapidamente di numero può essere fonte di problemi. Tutti gli animali devono pur sempre essere curati e foraggiati, e hanno bisogno di spazio a sufficienza. Pertanto riflettete attentamente se potete permettervi una cucciolata e cercate preventivamente eventuali acquirenti. Come detentori di animali, siete responsabili del fatto che tutti i vostri esemplari ricevano le cure adeguate.

Può sembrare un'eventualità allettante vedere crescere i piccoli di ratto. L'allevamento, tuttavia, è auspicabile solo se avete riflettuto esattamente su cosa intendete fare dei piccoli. Se siete favorevoli a una cucciolata, dovete offrire ai vostri ratti materiale adatto alla preparazione del nido, poiché si tratta di animali molto premurosi, che accudiscono amorevolmente i propri piccoli. Per il nido si possono utilizzare carta, tubi di cartone o resti di stoffa. Fate inoltre attenzione: se i membri della cucciolata non vengono separati a partire dalla 5a settimana, si accoppiano anche tra di loro.


Messaggio per lo specialista: info@blv.admin.ch

Fine zona contenuto

Ricerca a testo integrale

 


Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV
info@blv.admin.ch | Basi legali | Analisi Web
http://www.blv.admin.ch/tsp/02696/02703/02708/index.html?lang=it