Ricerca a testo integrale

 

Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Malattia della lingua blu

Oltre alla presenza durevole della BT nei Paesi del Mediterraneo, dallo scorso anno la malattia è ricomparsa in molti Paesi dell’Europa settentrionale. Il virus della lingua blu (BTV) ha diversi sierotipi. In Francia si tratta del sierotipo 8 (BTV-8), nel Sud Est europeo del sierotipo 4 (BTV-4).


Bollettino Radar

Malattia della lingua blu (BT): uteriori casi in Francia (BTV-8). Nessun nuovo caso in Austria.

Pericolo immediato per la Svizzera, sussiste una necessità d'intervento. Per maggiori informazioni vedi il Bollettino Radar:

Tipo:  PDF
Bollettino Radar aprile 2016 (in francese)
Ultima modifica: 28.04.2016 | Grandezza: 950 kb | Tipo: PDF


Attualità

Febbre catarrale ovina (blue tongue, BT) - situazione attuale e misure previste (03.03.2016)

L'11 settembre 2015, la Francia rileva un primo caso di BT nel dipartimento dell'Allier, a circa 250 chilometri dal confine svizzero. Da allora la Francia ha annunciato all'Organizzazione mondiale della sanità animale (OIE) oltre 170 aziende infettate. La zona soggetta a restrizioni ha un raggio di 150 chilometri e si estende anche in direzione della Svizzera. Il 9 ottobre 2015 questa zona tocca il confine svizzero nei territori del Vallese, di Ginevra, Vaud, Neuchâtel e del Giura. Se e quando questa zona raggiungerà il territorio svizzero dipende dagli ulteriori sviluppi in Francia. Importanti fattori sono le condizioni meteorologiche/la temperatura e l'attività delle zanzare nonché le attività di sorveglianza in corso.

In Austria dal 17 novembre 2015 il BTV è stato diagnosticato in quattro aziende di bovini nella Stiria e nel Burgenland nell'ambito di un programma di sorveglianza. L'ultimo caso è stato confermato il 26 novembre 2015. Nelle aziende interessate gli animali non presentavano sintomi clinici. Secondo le analisi di sorveglianza intensificate in Austria, gli animali avevano contratto il virus alla fine dell'estate del 2015, ma il virus non era circolato in maniera diffusa su aree più estese.

Nel 2016 la sorveglianza della popolazione svizzera di ruminanti è orientata al riconoscimento precoce di un eventuale ingresso del virus in Svizzera. A tal fine si dovranno analizzare, come negli anni precedenti, campioni di bovini macellati. Al momento il Servizio veterinario svizzero sta discutendo le modalità di organizzazione della sorveglianza.

Inoltre, nell'ambito della sorveglianza veterinaria ufficiale, si raccomanda di analizzare tutti gli animali importati da Paesi con zone delimitate a causa della BT nonché gli animali che rientrano in Svizzera dopo aver estivato all'estero.

Altre informazioni:


La Svizzera è indenne dalla malattia della lingua blu

La malattia della lingua blu è comparsa per la prima volta in Svizzera nell’ottobre del 2007. Più tardi si sono ammalati altri animali, alcune dozzine in Svizzera e alcune migliaia in Europa. Negli anni 2008, 2009 e 2010 sono state pertanto realizzate campagne di vaccinazione obbligatorie, mentre nel 2011 non è stata necessaria svolgerne una a livello nazionale; attualmente la Svizzera è indenne dalla malattia della lingua blu. Possiamo parlare di un vero e proprio successo nella storia della lotta alle epizoozie, grazie all’impegno del Servizio veterinario svizzero e dei detentori di animali che hanno attuato la strategia in maniera coerente.
Tipo:  PDF
Sorveglianza Blue tongue in Svizzera - Dichiarazione di indennità dalla malattia
Ultima modifica: 01.03.2012 | Grandezza: 1479 kb | Tipo: PDF



Messaggio per lo specialista: info@blv.admin.ch

Fine zona contenuto



http://www.blv.admin.ch/gesundheit_tiere/01973/index.html?lang=it