Ricerca a testo integrale

 

Inizio navigazione principale

Fine navigazione principale


Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

  • Pagina iniziale

Fine navigatore



Sindrome respiratoria e riproduttiva dei suini (PRRS)

Infezione virale dei maiali che può provocare problemi di fertilità, aborti, suinetti nati gracili e sintomi respiratori. La PRRS non costituisce un pericolo per l'uomo.

Iuglio 2014:

Nouveaux contrôles prévus dans des élevages de porcs

Après la découverte, au printemps 2014, du virus du syndrome dysgénésique et respi-ratoire du porc (SDRP) dans deux exploitations suisses, il ne peut être exclu avec un degré de certitude suffisant que le virus ne poursuive pas sa propagation de manière très isolée dans des élevages porcins. A partir de la mi-août, de nouveaux contrôles seront donc réalisés dans des élevages porcins.
Tipo:  PDF
SDRP - Nouveaux contrôles prévus
Ultima modifica: 21.07.2014 | Grandezza: 75 kb | Tipo: PDF


26.03.2014:

Virus PRRS anche in un macello di Uri

A seguito del caso rilevato nel Canton Lucerna a inizio marzo 2014, sono state esaminate ulteriori aziende entrate in contatto con lʼazienda infetta. Il 25 marzo anche in unʼazienda di Uri è stato riscontrato il virus PRRS in diversi suini. Gli animali finora non mostrano sintomi della malattia, tuttavia, ai sensi dellʼordinanza sulle epizoozie, lʼazienda è considerata infetta. LʼUfficio veterinario cantonale dei Cantoni primitivi ha quindi posto sotto sequestro lʼazienda e ordinato lʼimmediata macellazione di tutti i suini. La loro carne può essere consumata senza problemi ed è quindi commercializzabile. Gli esami e le analisi proseguono dato che ancora non è chiaro da dove provengano il virus e gli anticorpi.
Tipo:  PDF
Medienmitteilung des Veterinärdienstes der Urkantone zu PRRS (in tedesco)
Ultima modifica: 26.03.2014 | Grandezza: 39 kb | Tipo: PDF


05.03.2014 

Virus PRRS in unʼazienda suinicola di Lucerna

Nellʼambito delle analisi epidemiologiche condotte nelle aziende di allevamento, è stato rilevato il virus della sindrome riproduttiva e respiratoria dei suini (PRRS) in unʼazienda del Cantone di Lucerna. Anche se gli animali non mostrano sintomi di malattia, secondo lʼordinanza sulle epizoozie lʼazienda è comunque considerata infetta. Lʼufficio veterinario cantonale ha quindi posto sotto sequestro lʼazienda e adottato le misure necessarie per evitare che il virus si espanda. Anche le aziende entrate in contatto con essa vengono esaminate.

In circa altre 40 aziende di provenienza, ripartite su quasi tutto il territorio della Svizzera, non è stato rilevato alcun virus della PRRS. Gli esami e le analisi proseguono dato che ancora non è chiaro da dove provengano il virus e gli anticorpi. Il tipo di virus emerso dai risultati è particolare, in quanto si tratta del tipo USA che non circola nellʼEuropa occidentale, ma viene impiegato nei Paesi limitrofi come vaccino vivo. In Svizzera la vaccinazione è vietata.
Tipo:  PDF
Medienmitteilung des Veterinärdienst LU zu PRRS (in tedesco)
Ultima modifica: 05.03.2014 | Grandezza: 68 kb | Tipo: PDF


19.02.2014

Situazione attuale

I successivi controlli di verifica effettuati inelle aziende colpite sono risultati tutti negativi. Indipendentemente dal programma di sorveglianza annuale, sono stati rilevati anticorpi della PRRS anche in unʼazienda del Cantone di Lucerna.

Lʼesame epidemiologico si concentra sugli allevamenti che hanno fornito suinetti alle aziende da ingrasso. Si tratta di accertamenti dispendiosi dato che le notifiche obbligatorie alla banca dati non sono state effettuate da tutte le aziende suinicole con il dovuto rigore. Questo rende necessarie ulteriori verifiche della documentazione cartacea nelle aziende, il che rallenta lʼelaborazione delle informazioni.

Ciononostante sono già state esaminate circa trenta aziende ripartite su quasi tutto il territorio della Svizzera e non è stato ancora rilevato alcun virus della PRRS. Gli esami e le analisi proseguono con lʼobiettivo di rilevare lʼorigine degli anticorpi e lʼeventuale propagazione del virus.


05.02.2014

Anticorpi contro la PRRS nei suini da macello

La sorveglianza della PRRS mediante controlli a campione ha permesso di individuare anticorpi contro la PRRS nei suini provenienti da diversi Cantoni. Tuttavia, non si sono riscontrati virus, neanche nelle analisi successive. I titoli di anticorpi piuttosto bassi indicano che l'infezione risale a diversi mesi fa - non sembra, quindi, che la PRRS circoli attivamente nelle aziende suinicole esaminate.

I singoli risultati sierologici positivi vengono presi seriamente e devono quindi essere esaminati. Dato che la popolazione di suini svizzera è indenne da PRRS non deve neanche presentare anticorpi specifici contro questo virus. Nel nostro Paese la vaccinazione è vietata e non vi sono dunque vaccini autorizzati contro la PRRS. È strano che dai presenti risultati emerga la presenza di anticorpi contro il virus PRRS del ceppo USA. Questo virus non circola nell'Europa occidentale come virus di campo, ma viene impiegato come vaccino vivo nei Paesi limitrofi. I bassi titoli di anticorpi e l'assenza del virus nelle aziende da ingrasso colpite fanno presumere che attualmente il virus non sia in circolazione. È quindi doveroso esaminare le aziende di provenienza che hanno fornito gli animali giovani destinati all'ingrasso. Da una prima analisi emergono circa 40 aziende fornitrici attive nel 2013. Queste aziende saranno ora sottoposte ad analisi più approfondite.

I veterinari sono chiamati a prestare attenzione a sintomi manifesti della PRRS nelle aziende suinicole, a notificarli e a farli analizzare conformemente alle prescrizioni dell'Ufficio veterinario cantonale.

La malattia

Colpisce i suini
La malattia colpisce in particolare i suini domestici e solo in misura limitata i cinghiali. La PRRS non costituisce un pericolo per l'uomo.

Sintomi clinici
I sintomi clinici possono variare considerevolmente a seconda del tipo di detenzione e dell'età degli animali.

A livello riproduttivo: la malattia colpisce il sistema riproduttivo in particolare nelle scrofe riproduttrici e nei verri. Nelle prime provoca disturbi della fertilità, nei secondi una diminuzione della fertilità. Si osservano inoltre nascite di suinetti deboli o morti, gracilità fisica dei suinetti, febbre e inappetenza.

A livello respiratorio: la malattia colpisce il tratto respiratorio in particolare nei suinetti, i quali starnutiscono e manifestano febbre, tosse, difficoltà di respirazione. Ne conseguono una diminuzione della capacità d'ingrasso, gracilità fisica e, in casi sporadici, la morte dell'animale. Nei suini da ingrasso si osservano sintomi clinici simili, seppur meno pronunciati.

Contagio e diffusione: in particolare per via aerea
La malattia si trasmette all'interno dei branchi per via aerea (contagio mediante inalazione di goccioline). Tra i branchi è possibile il contagio mediante l'azione del vento su distanze di qualche centinaio di metri. La malattia si trasmette anche mediante lo sperma e al feto attraverso la placenta.

È anche possibile la trasmissione per via indiretta tramite il foraggiamento degli animali con scarti di carne sottoposti a trattamento termico insufficiente.

Distribuzione: in tutto il mondo; la Svizzera è indenne
L'agente patogeno è diffuso a livello mondiale ed è presente in tutti i Paesi confinanti con la Svizzera. Finora, la malattia non è stata rilevata nel nostro Paese.

Agente patogeno: virus
L'agente patogeno è un virus del genere Arterivirus. Nella carne congelata il virus conserva la sua capacità infettiva per diversi anni.

Che fare?
Attenetevi alle misure di prevenzione generali contro le epizoozie. Non importate illegalmente carne in Svizzera. In Svizzera non sono ammessi vaccini profilattici contro la malattia.

La PRRS è un'epizoozia da eradicare, quindi soggetta all'obbligo di notifica. Chi detiene o accudisce animali è tenuto a notificare i casi sospetti al veterinario dell'effettivo.


Messaggio per lo specialista: info@blv.admin.ch

Fine zona contenuto



http://www.blv.admin.ch/gesundheit_tiere/01065/01083/01106/index.html?lang=it